Registrati su OPA Sostieni la tua professione

Regione Trentino Alto Adige
Il Trentino Alto Adige è letteralmente spezzato in due.

La provincia autonoma di Bolzano, con Legge provinciale 19 luglio 2013 n. 11, modificò la Legge provinciale 25 febbraio 2008 n. 1 inserendo, dopo la lettera g) del comma 1 dell’articolo 31, la lettera h) onicotecnico / onicotecnica. In questo modo riconosce la figura di onicotecnico staccata
da quella di estetista.

La Giunta Provinciale di Bolzano per l’attività di onicotecnico/onicotecnica ha introdotto come nuovo requisito d’accesso il conseguimento di un corso formativo e successiva esperienza professionale, il cui contenuto e la durata sono stati fissati con delibera n. 1082 del 22/09/2015. Dopodichè, con delibera n. 96 dd. 19/02/2019 e con delibera n. 201 del 26/03/2019, la Giunta provinciale ha nuovamente modificato i contenuti e la durata dei corsi formativi.

Quindi, nella provincia autonoma di Bolzano, è possibile aprire attività come onicotecnica senza il diploma di estetista a patto che venga rispettato almeno uno dei seguenti requisiti:
○ diploma finale di un corso formativo per onicotecnico/onicotecnica e successiva esperienza professionale;
○ almeno un anno di esperienza professionale nel campo dell’estetica, della cosmesi o dell’onicotecnica come operaio qualificato o operaia qualificata, come familiare collaboratore, come socio collaboratore o come titolare.

La provincia autonoma di Trento, invece, è ancora fedele al decreto del presidente della provincia del 5 novembre 2008, n. 52-159/Leg, il quale dichiara che rientrano nell’attività di estetista le prestazioni di massaggio estetico del corpo, di visagismo, di trucco e di depilazione, di manicure e pedicure, nonché quelle di applicazione e di ricostruzione unghie artificiali e di abbronzatura.

Quindi, le colleghe onicotecniche del Trentino Alto Adige possono aprire solamente presso la provincia autonoma di Bolzano.